L’autocompostaggio negato, una scelta politica.

L’autocompostaggio negato, una scelta politica.

497
0
Condividi

L’autocompostaggio negato, una scelta politica.
Durante il Consiglio comunale del 20 marzo il consigliere comunale Fabrizio Leggio M5S ha presentato una mozione per sviluppare programma di promozione per l’autocompostaggio domestico.
L’Amministrazione però ha bocciato per la seconda volta la mozione nonostante i costi della campagna di sensibilizzazione fossero irrisori. I composter infatti sono disponibili da anni presso il magazzino di Ecocave sia ad Assisi che a Valfabbrica dove i cittadini possono ritirarli gratuitamente facendone richiesta agli uffici comunali da dieci anni a questa parte, non c’è bisogno quindi di comprarne di nuovi come ha sostenuto il Sindaco nel Consiglio comunale. L’autocompostaggio e la sua promozione è già presente nell’attuale contratto tra il Comune e la Gest srl e non graverebbe sulle casse comunali.
Ignorate dall’Amministrazione anche le direttive europee sulla riduzione del conferimento in discarica dei rifiuti biodegradabili e l’esempio dei Comuni virtuosi che hanno intrapreso una politica di educazione alla raccolta differenziata incentivando l’autocompostaggio domestico.
Dopo mesi gli uffici comunali di fatto non hanno prodotto alcunché sui costi dell’iniziativa e il Sindaco ha completamente sottovalutato la mozione ritenendola poco conveniente e paradossalmente, già prevista nel suo programma per i rifiuti del nostro territorio.
Diventa quindi palese che l’ostruzionismo nei confronti di questa mozione, da parte del Sindaco e della sua maggioranza, sia esclusivamente per scelta politica e non per l’inattuabilità della proposta del Movimento 5 Stelle di Assisi. Il tutto con l’obiettivo di non perorare la causa dell’ opposizione oggi per poterne prendere i meriti come maggioranza domani.
Un gioco piuttosto irresponsabile, quasi infantile, che nuoce al bene comune ed è in grande contraddizione con l’impronta ecologista e di salvaguardia del Creato che il Sindaco Proietti ha voluto dare al suo mandato.
Visto quindi l’atteggiamento ostile nei confronti della mozione di Fabrizio Leggio, il Movimento 5 Stelle di Assisi si impegnerà ad incoraggiare l’autocompostaggio domestico con iniziative di sensibilizzazione e informazione sul territorio comunale in totale autonomia. Un piccolo grande gesto per ridurre la produzione di rifiuti ed ottenere un risparmio sulla TARI per i nostri concittadini.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO